Sergio Zanni

“Sull’identità del sommo poeta…”

Dal 31 agosto al 12 settembre 2021

La Mostra

La personale di Sergio Zanni Sull’identità del sommo poeta…, curata da Roberto Pagnani e con un testo critico in catalogo di Luca Maggio, intende celebrare il settimo centenario della morte di Dante Alighieri (1321-2021).

Sebbene l’artista sia noto come scultore, in mostra sono esposte numerose opere di grande dimensione tutte su carta a carboncino e pastelli colorati con soggetto unico Dante Alighieri, realizzate nell’ultimo anno appositamente per questo evento.

L’identità per certi versi pirandelliana che ne emerge, rivela un intellettuale-poeta-politico in crisi col suo tempo, forse anche con la propria vita, un esule sconfitto in grado però di serbare intatta la fede nel libro e nella parola, custodi del suo vero volto, in grado di consentirgli il salto temporale che ne restituisce la grandezza immutata anche a noi posteri.

Le Opere

L’artista

Sergio Zanni è nato a Ferrara, dove vive e lavora. Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Bologna diplomandosi in Scultura. Dopo numerose mostre in Italia e all’estero, si ricorda la partecipazione nel 2011 alla Biennale di Venezia 54° Esposizione Internazionale d’Arte, Padiglione Italia, Venezia, e nel 2013 alla Biennale Internazionale di Scultura di Racconigi. In seguito, tra le altre, ha tenuto mostre personali al Museo Magi ‘900 a Pieve di Cento (BO); Museo e Oratorio di Santa Maria della Vita, Bologna; Cloister Galleria d’Arte, Ferrara; Galleria Gagliardi, San Gimignano (SI); Galleria Artè, Lugano. Suoi lavori monumentali si trovano a Pontedera (PI) di fronte al Teatro Hera, nel Parco Naturale di Ostellato (FE), nel Parco Internazionale della Scultura a Etroubles (AO), al Museo Bargellini di Pieve di Cento (BO) e al MAR di Ravenna.

Con il Patrocinio